Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Mobilità sostenibile

L’industria della mobilità terrestre e nautica lombarda è un'area articolata che spazia dalla mobilità su gomma, a quella su rotaia a quella nautica fino agli aspetti legati alla logistica.

Nonostante il territorio lombardo abbia subito nel corso degli ultimi decenni la perdita di grandi insediamenti produttivi di automobili, il settore dell’automotive (includendo in tale settore non solo le auto, ma anche i veicoli diversificati e i motocicli) ha mantenuto una dimensione significativa.

Per quanto riguarda le tecnologie, la Lombardia mantiene una tradizione nella meccanica pesante e di precisione, nell’elettromeccanica e nella trasformazione della gomma e delle materie plastiche e nella Ricerca e Sviluppo in campo veicolistico supportata dalla presenza di una rilevante rete di Università ad indirizzo tecnico.

Il sistema produttivo dell’automotive è articolato e si compone di oltre 100 aziende lombarde di medio-grandi dimensioni che operano nei diversi settori automotive; ad esse si aggiungono le moltissime piccole imprese e microimprese subfornitrici delle imprese medio grandi di cui sopra sia per quanto riguarda i componenti che gli stampi e le attrezzature.

Il sistema produttivo dell’automotive lombardo è composto da costruttori (OEM - Original Equipement Manifacturer) di motocicli, veicoli agricoli, veicoli industriali e caravan, produttori di macchine, impianti ed attrezzature (stampi, attrezzature di assemblaggio, sistemi per l'automazione industriale). Risulta particolarmente sviluppata anche la parte di progettazione, costruzione e commercializzazione dei componenti del veicolo.

Tra i servizi sono molto sviluppati quelli connessi alla prototipazione, all'informatica e consulenze organizzative, alla qualità e alla sicurezza.

L'industria automotive coinvolge inoltre molti altri settori legati alla componentistica; a titolo esemplificativo, ma non esaustivo possiamo citare l'industria del design, tessile e ICT.

L’Osservatorio Europeo sui Cluster attribuisce al sistema produttivo lombardo dell’automotive oltre 43.000 addetti. A questi si devono aggiungere molti dei 193.000 addetti legati al metal manufacturing, i quali costituiscono uno dei settori più importanti a livello europeo ed ovviamente italiano.

Il dato sul fatturato totale dell’industria automotive è di complessa interpretazione: la fonte ANFIA (Associazione Nazionale Fra Industrie Automobilistiche) indica un fatturato complessivo di 38 miliardi di euro per il 2012. Il fatturato complessivo del settore automotive lombardo è stimabile intorno ai 12 miliardi di euro, che rappresenterebbe il 30% del fatturato complessivo italiano del settore della componentistica.

Tra le principali tematiche di sviluppo vengono indicate dal territorio:

  • alleggerimento strutture;
  • riduzione dell'emissione della CO2 tramite trasmissione alternativa e combustibili alternativi; veicoli connessi (sistemi di controllo);
  • sicurezza veicoli;
  • materiali avanzati.

L'industria marittima italiana è costituita dagli operatori che direttamente o indirettamente compongono il sistema di trasporto per le vie d'acqua e di turismo navale e nautico.

In Lombardia risulta molto forte la filiera per la produzione della nautica da diporto la quale vede coinvolti importanti studi di progettazione, cantieri di produzione di imbarcazioni a vela e/o a motore, aziende specializzate nell’allestimento e nell’arredo di bordo, velerie, aziende operanti nei settori dei servizi di manutenzione, riparazione e refitting e nei servizi logistici di assistenza, ormeggio e rimessaggio.

Il sistema produttivo conta circa 19.000 addetti di cui per refitting - riparazione e rimessaggio 2.889 addetti; per cantieristica 9.630 addetti; per accessori e componenti 5.804 addetti; per motori 708 addetti.

La Lombardia risulta essere la prima regione italiana per quanto riguarda il numero di aziende nautiche presenti nel territorio (circa un terzo del totale nazionale) con il 30,8%, e seconda per numero di addetti che vi lavorano, con oltre un quinto del totale nazionale - 21,7%, dietro all’Emilia Romagna con il 24,8%.

La Lombardia è prima nel settore degli accessori per numero di aziende (31,9%) e per numero di occupati (31,2%).

Tematiche prioritarie di sviluppo tecnologico: tecnologie per l’ottimizzazione del comfort a bordo nave (benessere dell’uomo); riduzione dell'emissione della CO2 tramite trasmissione alternativa e combustibili alternativi; sistemi di controllo; tecnologie per il controllo degli apparati e la sicurezza a bordo; materiali avanzati.

Le tecnologie abilitanti più strategiche per questa Area sono: materiali avanzati, micro e nano elettronica, sistemi per la produzione avanzata e nanotecnologie.

Caratteristiche AdS: di particolare rilevanza in questa Area è l’industria manifatturiera dell’automotive (prodotto e processi) e l’industria manifatturiera della nautica.

19/09/2017